Paola Matteucci  Paola Matteucci e il ricamo a mano su tulle.
HOME PAGE ARS PANICALENSIS CORSI DI RICAMO SCUOLA DI RICAMO IL COLORE KIT E LIBRO EVENTI GALLERY CONTATTI
 

 
 

Sotto i libri scritti e illustrati da Paola Matteucci sulla tecnica di ricamo a mano su tulle tradizionale e innovativa

 
Per Maggiori informazioni e se volte acquistare i libri

cliccate QUI

 

Sopra lo stand dell'Associazione LE TULLIPAN a Valtopina

 

La città umbra di Valtopina (PG) in occasione della tradizionale Mostra del ricamo a mano del tessuto artigianale  che si svolge con cadenza annuale in questa città da ormai 17 anni, in occasione dell'edizione 2016 ha voluto insignire Paola Matteucci del prestigioso riconoscimento di "Maestra di Filo 2016".
Ogni anno il premio viene assegnato alle maestre di ricamo che hanno saputo dare con la ricerca, l'innovazione tecnica e artistica  un prezioso contributo in originalità alle tecniche antiche.

Per Paola Matteucci è stato il riconoscimento per aver dedicato quasi venti anni del proprio lavoro al recupero, all'innovazione  e alla  divulgazione del ricamo su tulle.

 

XVII CONCORSO RICAMARE L'UMBRIA
"Fili d'erba e fiori per i diritti delle donne"

La flora esile e spontanea dei prati in fiore e delle colline umbre per non dimenticare tutte le donne vittime di abusi e violenza

Dall’Umbria un messaggio di filo per esprimere il valore dell’identità femminile, della libertà delle donne “di essere e di fare” e per testimoniare la condivisione dell’impegno in difesa dei loro diritti. La Scuola di Ricamo di Valtopina da anni usa il filo come codice comunicativo e come metafora per veicolare idee, sensibilizzare e promuovere nuove forme di partecipazione

Il Secondo premio  ex-aequo (Premio Grigoletto) per Paola Matteucci , che ha concorso con un ricamo su tulle interamente bianco , dai motivi tridimensionali , con applicazione di cristalli bianchi e argento .

TESTO DI PRESENTAZIONE DELL'OPERA
I fiori di campo erano vivi fino ad un attimo fa. Colorati e vitali ondeggiavano al vento e brillavano al sole estivo, tutti diversi tra loro. Un uomo ha spezzato gli steli dei fiori cosi delicati e dolci, fiori che coloravano il mondo. Con violenza, credendoli suoi, li ha rotti, piegati e gettati via. Ha raccolto i fiori sparsi sulla strada. Ora sono accomunati dal colore bianco della morte. Li ho posati su un velo candido intriso di lacrime argento. E leggero quel velo e lascia trasparire la violenza con cui si sarebbe voluto annullare la personalità. Ma ciò che poteva essere solamente un sudario che lascia intravedere ferite e sangue, ora diventa il simbolo si una luminosa femminilità riconquistata.

Testo  di Paola Matteucci

L'opera premiata

 

  back

 
 
Copyright © 2005--- www.paolamatteucciricamo.com

Paola Matteucci  consulente per l' Ars Panicalensis Via Brodolini n. 30 Panicale (PG)         tel 075 837523  348 2451350